Il Sentiero Italia (SI) è un itinerario escursionistico tra i più lunghi del mondo con i suoi 6 880 km che attraversa le due grandi dorsali montuose della penisola (Appennini e Alpi). Attraversa 6 siti naturali Unesco, 20 regioni e 360 comuni italiani.

Ad avere l’idea di realizzarlo fu nel 1981 il giornalista fotografo ed escursionista spezzino Riccardo Carnovalini. Ne parlò però solo due anni dopo con una commissione di esperti. Accadde in Garfagnana dopo aver affrontato e completato la Grande Escursione Appenninica. L’idea nacque nel 1983 grazie anche all’intuizione di un gruppo di giornalisti e scrittori poi riunitisi nell’Associazione Sentiero Italia. Ma il Sentiero Italia nella sua interezza si sviluppò nel 1995 quando con la collaborazione del CAI l’Associazione lanciò l’evento CamminaItalia aperto a tutti e guidato da Teresio Valsesia, Riccardo Carnovalini e Giancarlo Corbellini.

Un gruppo di escursionisti partì dalla cittadina sarda di Santa Teresa di Gallura in provincia di Sassari per coprire gran parte del percorso in otto mesi. L’iniziativa fu ripetuta nel 1999 con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Alpini.

Nel 2018 il Club Alpino Italiano annuncia, d’intesa con l’Associazione Sentiero Italia, l’intenzione di recuperare e rilanciare il tracciato rinominandolo Sentiero Italia CAI. L’iniziativa prevedeva la raccolta delle informazioni sullo stato del percorso con la progettazione, la programmazione e la realizzazione di tutti gli interventi necessari per la percorribilità (manutenzione, posa in opera della segnaletica). L’inaugurazione si è tenuta a Santa Teresa di Gallura il 1 marzo 2019.

Il percorso è suddiviso in circa 400 tappe e partendo dalla località di Santa Teresa di Gallura prosegue prima in Sicilia e poi lungo tutta la dorsale appenninica e il versante meridionale delle Alpi fino a Muggia in provincia di Trieste, utilizzando lunghi tratti di itinerari preesistenti come la Grande Traversata delle Alpi, l’Alta Via dei Monti Liguri e la Grande Escursione Appenninica

 

PER SAPERNE DI PIU’